ELEZIONI CONSIGLIO COMUNALE MILANO 3 / 4 OTTOBRE 2021

ELEZIONI CONSIGLIO COMUNALE MILANO – 3 / 4 OTTOBRE 2021

Presentazione Candidatura

Per Tutta Milano

Sono nato e cresciuto a Milano, a due passi dalla Stazione Centrale, ho 32 anni e nel 2016 sono diventato il più giovane Consigliere Comunale di Milano e poi presidente della Commissione Cultura e vicepresidente della Commissione Lavoro.

Ho studiato al liceo Volta, dove ho maturato la passione politica e l’interesse per le materie umanistiche. La laurea in Storia è stata una naturale prosecuzione di un percorso durante il quale ho sviluppato sempre più consapevolmente il mio impegno politico, venendo anche eletto rappresentante degli studenti della mia Facoltà.

Mi sono impegnato nel gruppo dei giovani ricercatori della fondazione di studi del PSE e ho contribuito a fondare alcune riviste, tra cui Pandora: per me l’impegno politico ha una forte connotazione sociale, ma per poter trasformare la realtà ha bisogno anche di teoria, pensiero e riflessione.

Lavoro dal 2014 nel team del capodelegazione del Partito Democratico al Parlamento Europeo e mi sono spesso occupato di formazione per i giovani.

La mia esperienza amministrativa e politica non si limita alla sola città di Milano: sono stato infatti anche vicepresidente del Dipartimento Cultura di ANCI Lombardia fino al 2019. Sempre in ANCI Lombardia sono membro della Consulta dei Giovani Amministratori.

Dal 2020 rappresento il Comune di Milano in Avviso Pubblico, l’associazione degli Enti Locali contro le mafie e faccio parte della Direzione Regionale lombarda del PD.

Attualmente abito a NoLo, un quartiere multietnico, vivo e animato da profondi cambiamenti. Amo il cinema, il teatro e la lettura, ascoltare buona musica con gli amici o con il mio compagno. Una curiosità: sono un accanito tifoso della Sampdoria, segno del forte legame con la Liguria, terra di origine di parte della mia famiglia e per la quale provo quasi lo stesso amore che ho nei confronti di Milano, la mia città.

Sono nato e cresciuto a Milano, a due passi dalla Stazione Centrale, ho 32 anni e nel 2016 sono diventato il più giovane Consigliere Comunale di Milano e poi presidente della Commissione Cultura e vicepresidente della Commissione Lavoro.

Ho studiato al liceo Volta, dove ho maturato la passione politica e l’interesse per le materie umanistiche. La laurea in Storia è stata una naturale prosecuzione di un percorso durante il quale ho sviluppato sempre più consapevolmente il mio impegno politico, venendo anche eletto rappresentante degli studenti della mia Facoltà.

Mi sono impegnato nel gruppo dei giovani ricercatori della fondazione di studi del PSE e ho contribuito a fondare alcune riviste, tra cui Pandora: per me l’impegno politico ha una forte connotazione sociale, ma per poter trasformare la realtà ha bisogno anche di teoria, pensiero e riflessione.

Lavoro dal 2014 nel team del capodelegazione del Partito Democratico al Parlamento Europeo e mi sono spesso occupato di formazione per i giovani.

La mia esperienza amministrativa e politica non si limita alla sola città di Milano: sono stato infatti anche vicepresidente del Dipartimento Cultura di ANCI Lombardia fino al 2019. Sempre in ANCI Lombardia sono membro della Consulta dei Giovani Amministratori.

Dal 2020 rappresento il Comune di Milano in Avviso Pubblico, l’associazione degli Enti Locali contro le mafie e faccio parte della Direzione Regionale lombarda del PD.

Attualmente abito a NoLo, un quartiere multietnico, vivo e animato da profondi cambiamenti. Amo il cinema, il teatro e la lettura, ascoltare buona musica con gli amici o con il mio compagno. Una curiosità: sono un accanito tifoso della Sampdoria, segno del forte legame con la Liguria, terra di origine di parte della mia famiglia e per la quale provo quasi lo stesso amore che ho nei confronti di Milano, la mia città.

Le mie idee,
La nostra città.

Milano è una città culturalmente viva, ma la pandemia ha lasciato segni profondi. Immaginiamo insieme una città in cui la cultura sia sempre più diffusa nei quartieri, potenziamo il sistema bibliotecario, creiamo nuove reti tra le realtà culturali e le scuole, rendiamo protagonisti i Municipi.

Senza dimenticare che Milano in questi anni è tornata ad essere una città dalla vocazione internazionale, non torniamo indietro! 

Milano è da sempre la città del lavoro. Dobbiamo valorizzare la manifattura attraverso bandi specifici del Comune e dare più incentivi alle imprese innovative e per sostenere il commercio di vicinato. 

Mi impegnerò per promuovere il lavoro di qualità, per tutti. Attraverso i regolamenti comunali sugli appalti e la concessione di spazi e patrocini dobbiamo premiare le imprese che tutelano i lavoratori e la buona occupazione. 

Milano deve ispirarsi alle altre grandi città europee, che hanno regolato gli affitti brevi, e spingere la Regione a investire finalmente nell’aumento dei posti letto per gli studenti.

Vogliamo aumentare l’offerta di case popolari: in questi anni tremila appartamenti sono stati recuperati e assegnati, ma dobbiamo fare ancora di più e incentivare il canone concordato e l’housing sociale per garantire davvero il diritto alla casa. 

A Milano la solidarietà ha radici forti e i servizi pubblici sono di qualità, ma dobbiamo migliorare ancora. Il Comune deve essere aperto, ascoltare le esigenze dei cittadini e stare vicino alle fragilità, a partire da quelle degli anziani soli. 

Voglio una città più vivibile, più verde e con una mobilità più dolce; una città sensibile ai bisogni dei bambini, dei giovani e più coraggiosa nel riconoscere e tutelare i diritti delle persone. A Milano tutti devono sentirsi liberi di essere se stessi. 

Alle elezioni per il Consiglio Comunale di Milano

3 / 4 Ottobre 2021

VOTA

Milano: una città per tutti, non per pochi.